venerdì 11 febbraio 2011

Il MIO MODO per stare con miei figli!

Ho appena letto il post di  Barbara di Mammafelice, sul tempo che si passa con i figli e, come sempre, fa riflettere.

Il mio blog non è di riflessioni, ma di attività quotidiane svolte con i miei bimbi, da condividere con altre mamme.......ma cosa c'è dietro a tutti questi lavoretti che realizzo con loro?
Sicuramente tanto amore e voglia di passare del tempo insieme!

Non ho mai fastasticato sui miei futuri figli, non ho mai pensato a quando sarei diventata mamma e a cosa avrei fatto con loro; ho semplicemente scelto, insieme a mio marito, di creare una bella e grande famiglia e Dio (o la natura, o chiunque altro) ha deciso che era possibile.

Dopo i primi periodi di rodaggio come genitore, di sguardi, di conoscenza, di coccole e di intesa...ho trovato il MIO MODO per stare con loro, per divertirci insieme, per creare il nostro piccolo rito quotidiano.

C'è chi coinvolge i figli nelle attività domestiche, chi ama leggere loro dei libri, chi invece si siede a terra ad usare i loro giochi, a fare il cavallo, oppure chi li coinvolge nelle loro passioni per tramandarle (musica, meccanica, giardinaggio, pittura, cucina....).
Il mio modo preferito di stare con loro è dedicarmi a piccole attività creative, fatte di riciclo, di colla, di colori e di piccoli esperimenti.....divertendoci.

E non posso e non voglio rinunciarci: fa bene a loro quanto a me!
E ogni volta che appendiamo una piccola creazione sulla nostra bacheca, mi sento di aver aggiunto un tassello importante al puzzle della nostra famiglia...che spero un giorno i miei figli guarderanno con il cuore colmo di belle emozioni e bei ricordi.

I figli pretendono (ed hanno il diritto di avere) dai noi del TEMPO ma non inteso come quantità, ma bensì di qualità: 10 minuti dedicati SOLO a loro valgono molto di più di 2 ore passate vicino a loro facendo le nostre cose, senza coinvolgerli  o addirittura mostrandoci infastiditi della loro presenza che ci rallenta.

Dieci minuti al giorno possono permetterseli tutti, anche chi lavora ed è stanco.... e poi se riusciamo ad essere ricettivi, i nostri figli hanno la capacità di darci tanta carica che neanche immaginiamo!!!

E voi? Qual'è il VOSTRO MODO?

12 commenti:

Lizzina ha detto...

Anch'io cerco sempre di fare con Tia delle attività, sempre però se non è troppo stanco o svogliato, tornando dalla materna. Quindi passiamo il pomeriggio con colla e colori, oppure guardando un cartone o giocando con le macchinine o i robot, oppure ancora facendo dolci. Dipende sempre da quello che lui ha voglia di fare, basta farlo insieme.

MammaMoglieDonna ha detto...

Bellissimo post.
Ti rispondo lunedì promesso!

sly ha detto...

penso che passare un po' di tempo con i nostri figli sia propio importante..per cui mi passa tutto in secondo piano..pima loro 8il momento della ricongiunzione dopo la scuola dell'infanzia9 e poi il resto...la nostra ricongiunzione è sempre la stessa...vado a prenderli a scuola a piedi..e poi variamo la strada del ritorno..e osserviamo le cose che incontriamo o le pesione, ci raccontiamo la nostra giornata..facciamo un po' di cose..facciamo finta di giocare a macchine..ecc ecc..se piove..vai con gli stivali e l'ombrello..se è bel tempo arriviamo in spiaggia a giocare..a volte solo noi ..a volte con qualche amichetto..se piove si va a casa e qualcosa si fa..o pitture, o cuciniamo o facciamo un gioco..io scelgo di stare con loro perchè mi fa stare bene e sono convinta che questo tempo di qualità che gli dedico mi ritornerà..vedi ad esempio periodo dell'adolescenza che tanto mi spaventa..loro sanno che io ci sono sempre per loro e ogni giorno mettiamo un altro piccolo mattoncino al nostro rapporto..prolissa che sono..

LAMAMMAèSEMPRELAMAMMA ha detto...

Ciao! il tuo post mi ha fatto riflettere, hai ragione da vendere quando dici che non è la quantità ma la quantità del tempo che dedichiamo ai nostri figli ad avere importanza! Io ho scelto di fare la mamma a tempo pieno e questo alle volte mi fa pensare che visto che passo tutto il giorno con loro io sono una buona madre. Leggendo il tuo post ho capito che non è proprio così, tantissime volte mi trovo ad essere sì con loro ma presa dalle mie cose e dai miei lavori. E, come dici tu, alle volte li sgrido pure perchè con il loro girarmi intorno mi rallentano...Grazie per avermi fatto notare questa sfumatura dello stare con i nostri bimnbi...ora che ho riconosciuto il limite posso lavorarci sù per correggerlo
Grazie di cuore!

Micaela ha detto...

Sembra una riflessione ricorrente di questi gg il tempo da dedicare ai bimbi.
Io mi sento un pò in colpa da quando ho dovuto riprendere a lavorare ed il tempo è drasticamente diminuito ma poi mi sono data una schiaffetto e mi sono tirata su.
Ora non appena li prendo a scuola sto solo con loro fino a quando non arriva il papi e io posso preparare la cena.
Non sarò molto creativa a fare cose od ad inventare giochi ma stiamo insieme ci coccoliamo ecc…. e non appena mi alzo dal tappeto sento degli urletti di protesta….
Sono i momenti più belli della giornata ed addio casa, pulizie e telefono…..

Twins(bi)mamma ha detto...

anche io penso che sia importante l'apporto qualitativo ai ns figli...alcune sere non ce la faccio obiettivamente tornando alle 19 di sera devo perforza fare qualcosa per la casa...ma il tempo per dedicarmi a loro cerco di trovarlo e sono soddisfazioni ;)

pinkmommy ha detto...

ho avuto la fortuna di trovare un part time, quindi dal momento in cui vado a prendere mio figlio a scuola sono tutta sua! praticamente tutto il tempo che siamo a casa lo passo con lui, che ahimè spesso il fine settimana non c'è quindi posso ritardare di qualche giorno le cose di casa e mi dedico a lui...giochiamo tanto facciamo i compiti, giochiamo!
hai ragione, è importante la qualità del tempo che passiamo con i nostri figli, non sempre è facile dare loro tutta l'attenzione che richiedono, ma sanno ripagarci così bene! ;)

palmy ha detto...

Primo Giveaway sul mio blog: sei invitata!

mammachegiochi ha detto...

Bella questa riflessione. Io ho sempre l'impressione di non esserci mai abbastanza. Ho questa brutta sensazione, perchè non è il lavoretto da proporre , ma proprio star li con loro,esserci con mente , cuore e corpo. Mentre a volte ho altri pensieri pensierosi.

MammaGiochiamo? ha detto...

@TUTTE:vi ringrazio per aver risposto cosi numerose a questa riflessione!
Sicuramente noi mamme (piu dei papà, senza offesa) qualsiasi cosa facciamo, abbiamo sempre il pensiero sui nostri figli, diretto o indiretto, dall'orario per fare la spesa, alla scelta del giorno migliore per andare dal parrucchiere, fino al momento per fare una telefonata tranquilla ad una nostra amica.
Prima vengono loro in tutto e cerchiamo di usare il tempo a disposizione nel miglior modo possibile. C'è chi è più o meno soddisfatta di come lo fa, ma cmq secondo me dando sempre il massimo.
Siamo tante mamme tutte diverse: ch lavora tutto il giorno per necessità, chi per scelta, oppure chi crede sia meglio smettere di lavorare e seguire maggiormente i figli.
TUTTE ABBIAMO RAGIONE.
Ovviamente i mestieri di casa ci distraggono, ma vanno pur fatti e in questi momenti i nostri figli hanno l'opportunità di giocare un po da soli, cosa altrettanto importante per la loro crescita.
Anche io mi ritrovo spesso stanca la sera e mi sento poi in colta per trattare i bimbi nervosamente e con poca dolcezza, ma poi penso alla lunga giornata e al fatto che sia normale voler riposare un po: per fortuna i miei sensi di colta durano poco...fino al prossimo :-)
un abbaccio a tutte e ricordimoci che siamo grandi per quello che riusciamo a fare ogni giorno per la nostra famiglia (oggi è un giorno in cui mi sento ottimista, si vede?)

R ha detto...

Ciao, io faccio la mamma a tempo pieno, ed è vero come dici tu che non conta la quantità, ma la qualità... Il mio problema è che io di tempo ne ho davvero una quantità esagerata! E a volte (spesso purtroppo) arrivo a sera che sono davvero stanca. Perché è semplice e anche bello passare un po' di tempo con il mio bimbo (14 mesi) a fare tante belle attività (farlo colorare, giocare con lui, leggere qualche libretto, andare a fare un giro...), ma poi avendo a disposizione giornate intere luuuunghissime, a volte mi stanco e -come dici tu- sto "vicino" a lui, ma facendo altre cose.... :(
E spesso diventa difficile e stressante, perché lui invece chiede tutte le attenzioni, specialmente quando si va verso la fine della giornata.
A volte è proprio faticoso!
Scusa lo sfogo e grazie per le tante occasioni che mi dai di imparare nuove cose :)

MammaGiochiamo? ha detto...

@R:ti capisco. Con la 2^ gravidanza ho avuto la possibilità di stare a casa in maternità per 9 mesi: è stata una bella esperienza per me e i miei 2 figli, ma anche tanto stancante incerti giorni...tra allattamento, doppi pannolini e gelosia della grande. Io cercavo sempre di dormire dopo pranzo quando lo facevano anche loro..ma ci ho messo un po per capire come fare.
All'inizio infatti usavo il tempo dei pisolini per fare le faccende, ma poi un libro mi ha illuminata: prima si accetta il neonato o bimbo come membro della famiglia e meglio vivremo le nostre giornate. Poi continuava spiegando di far partecipare il bimbo alle nostre attività, alle nostre faccende domestiche, facendolo stare vicino a noi, magari nel passeggino: lui è incuriosito da quello che facciamo e noi portiamo avanti la casa (le cose indispensabili per lo meno). Non so come sono le tue giornate, ogniuno ha un modo di fare e delle sue necessità.
A me bastava anche solo mezz'ora di pisolino per ritrovare la grinta e non arrivare a sera carica di tensione.
Un abbraccio e non preoccuparti per lo sfogo..tra mamme ci capiamo :-;

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...