venerdì 4 febbraio 2011

Fammi diventare un televisore


"Un bambino pregava così:
Signore, ti chiedo qualcosa di speciale…. fammi diventare un televisore.
Vorrei vivere come la tele di casa mia.
Vorrei avere una stanza speciale in cui riunire tutti i membri della mia famiglia attorno a me.
Essere preso sul serio quando parlo e diventare il centro dell'attenzione, che tutti ascoltano senza interrompere o fare storie.
Vorrei sentire l'attenzione speciale che riceve la tele quando non funziona.
Avere la compagnia di mio papà quando torna a casa, anche se è stanco per il lavoro.
Che mia mamma mi cerchi quando è sola e annoiata, invece di ignorarmi.
Che i miei fratelli litighino per avere la mia compagnia.
E che possa divertire tutti quanti, anche se la maggior parte delle volte non dirò niente di importante.
Vorrei vivere con la sensazione che lascino perdere tutto per passare qualche momento assieme a me.
Signore, non ti chiedo molto… solo di vivere come vive qualunque televisore."

(tratto da PNL con i Bambini di Eric De La Parra Paz )

Ho trovato questo estratto per caso nel web e non posso non soffermarmi a riflettere sull'uso che faccio della tv in casa nostra.
Fosse per me, da quando sono diventata mamma, riuscirei tranquillamente a vivere senza tv.
Ma siccome ho sempre creduto che la verità sta nel mezzo e che scelte estreme non fanno per noi, cerchiamo (più io che mio marito) di farne il minor uso possibile finché i bambini sono svegli.
Principalmente per scelta, perché, come molto eloquentemente spiega il testo che ho citato, ci distoglie dalla realtà che ci circonda trascurando i nostri bimbi e poi perché comunque non riusciremmo a seguire tranquillamente un programma...col risultato di essere tutti nervosi....perciò non avrebbe senso.

Per quello che riguarda i bimbi, soprattutto la grande di 3 anni, ne fa un uso abbastanza limitato e spesso guarda dvd scelti, che hanno il vantaggio di byppasare la pubblicità martellante dei canali tv, (anche se poi a volte capita che li voglia vedere anche prima di andare a dormire).
Per il resto del tempo che trascorriamo insieme, cerco di attrarre l'attenzione dei miei figli con attività alternative, divertenti e creative che non permettono di lasciare il loro piccolo cervello in STANDBY come invece fa il televisore.

Ovviamente non sempre è facile!!!

E voi come vi comportate nei confronti di questo maxi schermo intorno al quale ruota l'organizzazione di un'intera stanza di casa, tra scelta di luci, mobili, posizione di divano, diffusione audio in stereofonia, manco fossimo al cinema?

Questo post partecipa al

2 commenti:

  1. Quando ero a casa con il mio primogenito appena nato, guardavo troppa televisione e alla fine mi è venuta a nausea e così l'abbiamo eliminata.
    Siamo senza da otto anni e non ne sentiamo la mancanza. Per i cartoni dei bimbi scegliamo qualche dvd.

    RispondiElimina
  2. Di giorno la usiamo per dvd, playhouse disney, rai sat yoyo che sono gli unici canali che trasmettono cartoni animati decenti (se ne becco qualcuno che non mi piace cambio e via, ma sono rari), però c'è l'inconveniente della pubblicità; poco tempo e non tutti i giorni. Noi la accendiamo la sera.

    RispondiElimina

Un commento anche veloce, mi fara molto piacere!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...